nav-left cat-right
cat-right

Video: all’Anmic il Premio Qualità Sociale d’Impresa “Luisa Sassi” per Parmaccessibile.org

03.12.2014 – Quattro premi e cinque menzioni speciali su un totale di 53 candidature, che confermano una partecipazione numerosa in linea con quelle delle scorse edizioni. Questi i numeri della quinta edizione del Premio qualità sociale d’impresa “Luisa Sassi”, istituito dalla Provincia di Parma per dare un riconoscimento alle realtà imprenditoriali e sociali del territorio che si sono distinte nell’inserimento lavorativo delle persone disabili andando oltre gli obblighi di legge.

“Si tratta di numeri da non sottovalutare, in tempi in cui l’occupazione delle persone disabili è resa ancora più difficile dalla diminuzione di posti disponibili a causa delle numerose aziende in crisi – afferma Maurizio Vescovi, consigliere delegato della Provincia a Lavoro e Formazione professionale – Questo ci dimostra che tante imprese del nostro territorio sono andate al di là degli obblighi di assunzione previsti della Legge 68/99, producendo esperienze concrete nell’inserimento lavorativo delle persone disabili e quindi nell’inclusione sociale. Parma continua dunque a mantenere una sua caratteristica fondamentale: l’inclusione nel lavoro delle persone più in difficoltà, alimentando anche in tempi di crisi quella coesione sociale che l’ha sempre contraddistinta e che negli anni si è tradotta in qualità della vita e sviluppo economico.”

Intitolato alla dirigente del Sild (Servizio inserimento lavorativo disabili) scomparsa nel 2008 e nato dal confronto con le associazioni di impresa e dei disabili, i sindacati e il Consorzio di solidarietà sociale, il Premio Luisa Sassi si aggiunge alle attività messe in campo in questi anni dalla Provincia con il Sild (attività che hanno contribuito all’assunzione di oltre 4mila persone disabili dal 2001 ad oggi).

Alla cerimonia, oltre al Delegato Vescovi sono intervenuti: il presidente dell’Anmic Alberto Mutti (che ha sottolineato le criticità della legge 68/99 e come l’Associazione si stia impegnando per sollecitarne la riforma), il presidente del Consorzio di solidarietà sociale Augusto Malerba. Walter Antonini ex titolare dell’Agenzia dello Sport della Provincia di Parma che ha portato la propria testimonianza.

I VINCITORI
Nella prima sezione dedicata ad aziende profit non in obbligo di assunzione ex L.68/99 (partecipanti 14 imprese) il premio è andato all’azienda Parma Recapiti, mentre Nettoyè e SGA Gym srl si sono aggiudicate la menzione.
Per la seconda sezione (22 domande) per le aziende no profit (cooperative, associazioni e altre realtà non in obbligo di assunzione ex L.68/99) il vincitore è la Cooperativa Sirio, e le due menzioni vanno alle cooperative sociali Fiorente e Il Ciottolo.
Nella terza sezione (17 domande) riservata alle imprese profit e no profit che hanno attivato buone prassi e innovazione a Cedacri viene attribuita la menzione speciale mentre il premio va ex-aequo alla ditta Ciemme di Corrado Marvasi e alla sezione provinciale di Parma dell’ANMIC per il sostegno al progetto Parmaccessibile.org.

Complessivamente, nelle cinque edizioni del premio sono circa 250 le assunzioni oltre l’obbligo che sono state raccolte, stimolate e raccontate attraverso il premio.
La giuria incaricata di valutare le domande – composta da istituzioni e personalità del territorio (Provincia, Ausl, Camera di Commercio, associazioni di impresa, sindacati, associazioni di disabili) – ha scelto i vincitori valutando parametri quali numero e qualità delle assunzioni, strumenti di inserimento utilizzati, iniziative particolarmente innovative e qualificanti.

LUISA SASSI
Nasce il 6 gennaio del 1954 e si laurea in giurisprudenza presso l’Università di Parma nel 1978. Subito dopo la laurea opera come assistente volontario di procedura civile presso l’Università di Parma. Inizia ad occuparsi di collocamento presso l’Ufficio Provinciale del Lavoro, dove giunge a gestire la struttura che comprende sia il collocamento ordinario che il collocamento disabili. Presso l’Ispettorato del Lavoro si fa carico della parte giuridica e delle controversie derivanti dalle ispezioni e dopo il passaggio di competenze del collocamento alle Province, viene incaricata di organizzare il SILD, che guida dall’inizio della sua operatività (1999) fino alla prematura scomparsa avvenuta nel dicembre del 2008.
Sempre attenta ai rapporti umani, sia all’interno che all’esterno dell’Ufficio, ha contribuito a dare vita al SILD in base alle innovative disposizioni pervenute dalla legge 68/1999, strutturando un Ufficio nel quale ancora oggi convivono pubblico e privato sociale.

Print Friendly, PDF & Email

One Response to “Video: all’Anmic il Premio Qualità Sociale d’Impresa “Luisa Sassi” per Parmaccessibile.org”

Leave a Reply